Il blog di didattica per la scuola primaria
banner

Il lessico a scuola

Spesso i bambini interiorizzano parole sbagliate o conoscono parole che non usano. Il nostro intervento diventa in questi casi determinante. Perché il lessico a scuola non va solo integrato e arricchito ma anche corretto.

Il lessico a scuola primaria

Alla vigilia delle vacanze di Pasqua abbiamo chiesto ai bambini di prima di parlarci di cosa avrebbero fatto nei giorni liberi.

E come succede tutte le volte che si apre una discussione spontanea, in particolare nelle  classi dei più piccoli, si è originato un domino a cascata di allegre previsioni più o meno particolareggiate di incontri, luoghi, giochi e avventure.

Quando poi ognuno di loro si è cimentato con il disegno e la scrittura autonoma, il miscuglio di desideri e progetti si è materializzato sulle pagine dei loro quaderni.

Durante il lavoro, mentre io e la maestra passavamo tra i banchi a sedare dubbi su doppie, accenti e “mutine”(ogni classe ha un proprio lessico famigliare, in questo caso l’uso della lettera H), nel controllare le frasi di Greta, mi sono inchinata ad indicarle una vocale errata e a dirle rapidamente: «Greta, si scrive Circeo».

Non saprei descrivere l’intensità e l’attonito stupore dello sguardo che Greta mi ha rivolto. Per un istante ho dubitato che mi avesse capita, ma la sua risposta è stata pronta. Scandendo bene le sillabe con una bocca spalancata ha proferito : «Nooo, maestra, si dice CE-RCE-O!».

Ho capito allora che il suo sconcerto iniziale era causato dal non riuscire a credere che io potessi sbagliarmi a tal punto: il nome di un luogo della propria geografia di vita che per sette anni è stato pronunciato in un dato modo non può essere smantellato in un attimo dall’arrivo di una maestra qualsiasi che cambia le cose!

Di fronte alla mia insistenza, fattasi più discreta e felpata a seguito della sua reazione, Greta  ha continuato a mostrare la sua ostinazione: «NOOOO maestra, davvero, si dice CERCEO».

Lessico, non solo arricchire

Quando parliamo di lessico a scuola, pensiamo principalmente a come poter arricchire il patrimonio dei bambini.

Poche volte riflettiamo sul fatto che l’esposizione (sia orale che scritta) ad una lingua corretta e varia nell’uso di vocaboli, agisca spesso sui bambini con una modificazione del proprio corredo lessicale e con una rettifica nella percezione delle parole.

È quando la maestra pronuncia bene la parola ASTUCCIO che alcuni bambini colgono la distinzione tra articolo e nome e evitano di chiamarlo STUCCIO.

È quando la maestra pronuncia bene ROSETO e ROSSETTO che i bambini imparano a distinguere le due parole e sanno scriverle correttamente.

È quando la maestra dice CIRCEO, che iniziano a venire i dubbi.

Un’altra sottovalutata funzione della scuola, a proposito di lessico, è quella di tirar fuori dai bambini le parole che già conoscono ma che non usano. Per tutti il lessico fruitivo è più espanso rispetto a quello quello produttivo, ma anche in questo caso le conversazioni in classe sono laboratori e fucine di pensiero.

Qualche tempo fa, mentre mostravo alla stessa classe la cannuccia della mia penna bic in vista di una successiva descrizione, e ne muovevo le due estremità cercando di stimolare qualche osservazione, Libero ha esclamato: «è “flessibile”!»

L’aggettivo è quindi stato ripetuto dai compagni ed è poi rimbalzato nel testo finale dimostrando tutta la sua flessibilità.

Spesso quindi le parole ci sono, ma vanno trovate, valorizzate dall’entusiasmo e dai complimenti dell’insegnante e trasformate in patrimonio comune.

Anche parole nuove

Ci sono poi anche le parole nuove, certo, non possono mancare. Quelle che i bambini non conoscono e che dobbiamo pescare dal nostro cilindro quando le occasioni si presentano.

Joyce ha origini egiziane e ha i capelli neri neri. Ma talmente neri da essere CORVINI. Basta mostrare su un tablet il piumaggio dell’uccello che origina l’attributo e la similitudine con il nero dei capelli di Joyce ed è fatta. Non tutti, ma qualcuno certamente userà la parola non appena potrà foggiarsene.

Perché le parole ascoltate, ripetute ed imparate a scuola hanno un sapore diverso dalle altre, soprattutto se siamo noi ad accompagnarle con quella disposizione alla meraviglia tipica di ogni scopritore.

In fila

Quando, dopo circa un’oretta, i bambini erano ormai in fila nel corridoio pronti per uscire da scuola, Greta ha cercato la mia mano e mi ha tirata dolcemente verso di sé :«Adesso glielo chiedo a mamma se si dice Cerceo!»

E se lo dice mamma…

Condividi


Precedente:
Successivo:

Autore / autori


Articoli simili

La Giornata Mondiale della Posta
Giornata Mondiale della Posta
Studenti con cittadinanza non italiana
Studenti con cittadinanza non italiana
Il convegno di Gaia Edizioni
Il Convegno di Gaia Edizioni